FAQ / Il preservativo si può rompere?

Innanzitutto è fondamentale sapere che i preservativi vengono sottoposti singolarmente ad una serie di controlli per testarne la resistenza, l’elasticità e l’integrità: questi test riducono la percentuale di rottura di un profilattico al di sotto dello 0.1%.

Tuttavia è possibile che, in seguito ad un cattivo utilizzo o a modalità sbagliate di conservazione, il preservativo si deteriori e, al momento dell’utilizzo, si laceri.
Per un corretto utilizzo del preservativo basta qualche regola da rispettare e un pò di pratica, mentre per conservare bene il preservativo serve qualche piccolo accorgimento. 

Come si conserva un profilattico?

  • Non esporre il preservativo ai raggi solari, non lasciarlo in macchina, vicino a fonti di calore o luce
  • Non conservare il preservativo in tasca o nel portafoglio: un preservativo sottoposto a continue frizioni o pressioni è un preservativo che al momento dell’utilizzo potrebbe lacerarsi molto facilmente
  • Non conservare il preservativo in tasca con altri oggetti come chiavi,
  • Non conservare il profilattico in luoghi umidi, preferire piuttosto un luogo asciutto e a temperatura ambiente.
  • Non usare il profilattico con lubrificanti a base di olii come la vasellina o con creme e lozioni per il corpo.

Inoltre è opportuno controllare se

  • Il profilattico è scaduto: anche i profilattici hanno una data di scadenza e va rispettata. Un profilattico scaduto può essere asciutto, deteriorato e può rompersi facilmente durante la penetrazione. Puoi controllare la data di scadenza sul retro della confezione o sulle singole bustine in cui è sigillato il preservativo.
    Ma cosa fare con un preservativo scaduto? Non bisogna assolutamente usarlo: un preservativo scaduto va buttato e sostituito con uno nuovo. 

Posted in: Il preservativo: consigli d'uso, La prima volta