Candida

La Candida è un’infezione causata nella maggiore parte dei casi da un fungo, la Candida albicans (il più diffuso tra le 150 specie di Candida), un microrganismo saprofita che vive normalmente sulle mucose genitali, in quelle del cavo orale o del tratto gastrointestinale.

Candida albicans

Candida albicans, fungo responsabile della Candida

In determinate circostanze o condizioni fisiche, però, la Candida si moltiplica più velocemente provocando fastidiosi danni: in casi di proliferazione eccessiva di Candida e quindi di infezione delle mucose sarebbe dunque più giusto parlare di Candidosi piuttosto che di Candida.

Questa infezione può insorgere sia spontaneamente, in casi di abbassamento delle difese immunitarie in seguito all’uso protratto di antibiotici, di corticosteroidi o di contraccettivi orali estrogeni o in seguito all’uso prolungato di indumenti troppo aderenti o sintetici, che per contagio attraverso rapporti sessuali non protetti con un soggetto infetto o in seguito all’utilizzo della stessa biancheria intima di una persona infetta.

Inoltre questo fungo si moltiplica più velocemente in presenza di un’alimentazione eccessivamente ricca di zuccheri o di alcolici.

Sintomi

La sintomatologia può presentarsi anche molto tempo dopo l’inizio dell’eccessiva proliferazione del fungo, può essere recidiva (può comparire più di tre volte l’anno) ed è localizzata in diverse sedi in base ai tessuti dell’organo colpito dall’infezione. Sebbene l’infezione possa interessare i più svariati tessuti, noi focalizzeremo l’attenzione sulla sintomatologia relativa alla Candidosi vaginale.

Nella donna

arrossamento, bruciore, prurito della mucosa vaginale, secrezioni biancastre adese alla mucosa vaginale, dolore durante i rapporti sessuali e durante la minzione.

Nell’uomo

arrossamento e bruciore del glande, secrezioni biancastre, formazione di grumi giallastri nella zona del prepuzio.

Come si previene:

evitando rapporti non protetti, usando sempre il preservativo, indossando correttamente il preservativo all’inizio del rapporto sessuale e non solo dopo aver raggiunto l’eiaculazione, curando l’alimentazione: evitare l’assunzione eccessiva di zuccheri e di alcolici e preferire frutta e verdura evitando indumenti troppo attillati e sintetici.

Generalmente se l’infezione non viene riconosciuta e curata, non vi sono gravi complicazioni, salvo il grave disagio che questa infezione provoca nella vita di una donna o di un uomo.

1 Commenti